Archivi tag: grillo

Comunicazione da quattro soldi, ovvero perché la rete ha impedito a Marini di diventare Presidente e Prodi sarà il nostro Presidente della Repubblica.

Pubblico qui un commento che ho lasciato in un post di Luca Sofri, sul suo blog Wittgenstein. Il post è questo.

il commento è questo:

Io credo che la bolla sia sempre più ampia, il che non è necessariamente né bene, né male. E’ possibile che tutta la frenesia percepita sui social network sia una sorta di bulimia da informazione e partecipazione e il gioco difficile è navigare in questo mare magnum e non restarne prigionieri.
Ecco, credo che l’establishment del PD sia stato travolto dalla piena di un nome che non rispondeva al sentire comune. E non è una novità che la maggioranza degli elettori non voglia più avere nulla a che fare con vecchie logiche (do you know PD e PD-L?). Per cui è abbastanza ragionevole supporre che una candidatura come quella di Marini, sopravvissuto degnissimo di una stagione politica che oramai esiste solo dentro i palazzi (quanti sono gli ottantenni che partecipano attivamente alla vita pubblica?), venga silurata da chi vede nel perpetuarsi di nomi che non dicono nulla, che non evocano nulla. Mi chiedo: per ignoranza? Si, anche, ma Prodi qualunque trentenne e oltre sa chi è. Marini è un vecchietto con la pipa e basta. Colpa nostra? Certo, ma la Politica si fa con le carte che passa il mazziere, non con quelle che hai avuto o che sogni. Altrimenti, si chiama barare. O meglio, altrimenti c’è il rischio che così venga percepito l’accordo.

Perché Rodotà ha funzionato? Perché si è speso negli ultimi anni a favore dei referendum, contro l’eleggibilità di Berlusconi, ha dialogato con le persone. E’, quindi, una persona popolare nella cerchia di chi ha interesse verso la politica.
Per lo stesso motivo, credo, potrebbe funzionare Prodi. Sicuramente lui sarà più polarizzante rispetto a Rodotà, con un profilo molto più di parte (non che Rodotà non lo sia), ma capace di ricompattare una base che chiedeva di essere ascoltata. Non lo sarà neanche questa volta (credo che la base PD si aspettasse appoggio a Rodotà, dopo tutto), ma meglio di così, dentro il PD, non lo accetterebbero. Il perché non lo so, Gilioli in un post di oggi sostiene che sia la vecchia politica, per me è solo l’umano orgoglio, ma poco importa. Dobbiamo solo capire una cosa, e cioè: Prodi, può essere una buona mediazione? Se si porta dietro il Movimento 5 Stelle, credo di si. Anzi, di più: sarebbe un’eccellente mediazione. Se non se lo porta dietro, sarà un altro Napolitano, ancora più polarizzante, anche se Prodi è una persona con un altissimo senso delle istituzioni che, credo, non abuserebbe della sua posizione.

Tutto questo per dire cosa? Che Internet ha un suo ruolo, certo, ma non è quello di scatenare pruriginose cacce all’uomo (anche se gli haters sono tanti e si fanno sentire), quanto il ruolo di organizzare e diffondere bidirezionalmente un messaggio che può essere colto, indirizzato verso un esito, elaborato e mediato. Internet è un mezzo quindi. Non un fine. E quanto più influente diventerà, tanto più difficile sarà relazionarsi con chi sta dall’altra parte. Ma non si può prendere un’altra strada. Non ci sono alternative.

In sostanza, per concludere. Credo che la premessa sia sbagliata: la rete è sicuramente sopravvalutata per la sua narrazione come mezzo di liberazione, quindi è fuorviante chiederselo, ma è corretta la conclusione. Senza Internet, Franco Marini sarebbe stato verosimilmente Presidente. Quel che sta in mezzo, è che la partecipazione politica ha nuove strade e molte di queste passano per la rete.

PS del 21 aprile: Il fatto che il Partito Democratico sia una banda di matti e, forse, pure in malafede, evidentemente non era previsto nel mio ragionamento. Quel che è successo, non me lo sarei potuto immaginare neanche nel peggiore degli incubi.
Alla fine, per usare un’espressione logora e abusata, il nostro gattopardismo italico, con la rielezione di Napolitano, ha raggiunto vette inenarrabili.

La butto là: come gesto di distensione, Napolitano potrebbe dare l’incarico a Rodotà; ma questo è l’ennesimo sogno che non si realizzerà.

Restaurazione

Il Presidente Napolitano, ieri, ha nominato due gruppi ristretti di “saggi” per formulare delle raccomandazioni per delle riforme istituzionali e per le questioni economiche e sociali.

Il gruppo per le riforme è così composto:

Valerio onidaGiudice Costituzionale dal 1996; Presidente Corte Costituzionale nel 2005, candidato alle primarie sindaco per il Comune di Milano.

Mario Mauro: laureato in filosofia alla Cattolica di Milano, membro di Comunione e Liberazione. Parlamentare Europeo Forza Italia 1999-2013; passa a Scelta Civica (il partito di Mario Monti) nel gennaio 2013.

Gaetano Quagliarello: Laureato in Scienze Politiche. Inizia da radicale, diventandone anche vice-segretario. Si batté per le campagne referendarie su aborto, nucleare ecaccia oltre che per il testamento biologico. Venne arrestato assieme a Rutelli durante una manifestazione antinuclearista a La Maddalena, in Sardegna. Passa a Forza Italia nel 1994 e si batte per tenere in vita Eluana Englaro con la famosa frase: “Eluana non è morta, è stata ammazzata”.

Luciano Violante: da Wikipedia: “Sempre molto pacato nei toni viene, da molti, considerato il ponte di collegamento per le questioni sulla giustizia tra il Pd e il Pdl, tanto da essere l’unico esponente del centro-sinistra a essere stato invitato alla Festa delle Libertà di Milano nel 2008. Ha suscitato scalpore sul web un suo discorso alla Camera dei Deputati risalente al 2003 in cui critica l’avvilimento del parlamento dovuto all’assenza di discontinuità tra governo e gruppi parlamentari. In tale discorso Violante difende il suo partito dall’accusa di totalitarismo ricordando che i Democratici di Sinistra non impedirono l’eleggibilità di Silvio Berlusconi (nonostante il conflitto d’interesse) né attuarono leggi contro Mediaset”.

In sostanza, un Presidente Emerito della Corte Costituzionale dall’indiscussa credibilità, un uomo di Berlusconi ex radicale, un ex uomo di Berlusconi appena passato a Monti e un uomo PD che dichiarò in Parlamento che non sono mai stati toccati gli interessi di Berlusconi.
La restaurazione non poteva essere più sfacciata.

Onida dovrà evitare che il salvacondotto per Berlusconi sia troppo esplicito?

Poi dice che il Movimento 5 stelle guadagna consensi. Ho sempre stimato Napolitano e continuo a farlo, in fondo, ma queste nomine sono il modo migliore per allontanare quei 4 cittadini che ancora si fidano della Politica.

Per una politica diversa

Questa fine di novembre, ci farà entrare nel vivo della campagna elettorale e, a questo proposito, volevo segnalare un sito potenzialmente molto prezioso per orientarci in quello che diventerà lo sport nazionale di tutti i politici: lo sparar balle.

http://pagellapolitica.it/

Su questo sito, primo in Italia per quanto mi risulta, vengono analizzate le affermazioni dei politici e, dati alla mano, si valuta la loro veridicità; quello che gli anglosassoni chiamano il fact checking e di cui abbiamo profondo bisogno in Italia.

E’ solo il primo passo per avere una politica pulita e potersi concentrare su quel che i politici dicono visto che, lasciatemelo dire, è sempre complicato decodificare il messaggio profondo. Almeno che i dati siano corretti.

Sarà comunque dura, ma io credo che possiamo ritornare a fidarci della politica. Certo, se non cominciamo a puntare con attenzione gli occhi facendo domande e pretendendo le risposte, le cose non miglioreranno mai da sole perché, per riprendere uno slogan molto efficace di MTV, se non ti occupi della politica, la politica si non si occuperà di te.