Dai diamanti non nasce niente

(Foto: Mandel Ngan/AFP/Getty Images)

(Foto: Mandel Ngan/AFP/Getty Images)

Il 2012 sarà ricordato per tanti avvenimenti, quelli più mainstream saranno probabilmente le Olimpiadi di Londra (grandissime Olimpiadi tra le altre cose), il volo di Felix Baumgartner dalla stratosfera, l’uragano Sandy, la rielezione di Obama, l’arresto delle Pussy Riot a Mosca, il tragico incidente della Costa Concordia.
L’elenco potrebbe essere infinito, ma mi limito a questi in rigoroso ordine casuale.

Ci sono come tutti gli anni le decine di personalità più o meno note e a cui siamo stati più o meno legati che se ne sono andate.

Ma io vorrei ricordare e portare con me nel 2013 due avvenimenti, anch’essi planetari. Il primo, sono le elezioni (non proprio libere e giuste per la verità) in Birmania/Myanmar che hanno portato in Parlamento un gigante della lotta per la democrazia e i diritti umani come Aung San suu Kyi. Questo avvenimento ci insegna che per quanto buia possa essere la strada, possiamo avere fiducia nelle persone e che le cose possono cambiare.
Il secondo avvenimento che voglio ricordare e conservare, è la conferma dell’esistenza del Bosone di Higgs. Non capisco niente di fisica, ma i motivi per cui questo evento mi ha colpito sono essenzialmente due: il primo è che ci ricorda che la scienza è l’unica strada che abbiamo, assieme alla politica, per migliorare la condizione nostra, dei nostri simili e del Pianeta intero. Il secondo, molto più prosaicamente, è che il capo del team ATLAS è una donna italiana, Fabiola Gianotti, peraltro inserita nella cinquina di Time per il titolo “Persona dell’anno”.

Perché questo preambolo?

Perché per guardare al futuro, bisogna cercare e conservare il buono nel passato e il 2013 si preannuncia un anno con tanti appuntamenti importanti. Per restare nel nostro piccolo, ci saranno le elezioni Politiche e quelle regionali in Lombardia e Lazio.

Vorrei arrivarci ricordando quanto affermava Jhon Rawls, monumento della filosofia morale del ‘900 che ha lasciato un’opera capitale per la filosofia politica e per la teoria sulla giustizia. In particolare, vorrei ricordare i principi della sua “posizione originaria”. Sono solo 2, l’architrave e la colonna portante su cui costruire il contratto sociale (così come riportati da Amartya Sen nel suo “l’Idea di giustizia” – ed. italiana – Mondadori 2010, pag. 72):

a). Ogni persona ha un uguale diritto al sistema di uguali libertà fondamentali più esteso, compatibile con un sistema di libertà analogo per tutti.
b). Le diseguaglianze economiche e sociali sono ammissibili a patto di 1) dare il massimo beneficio previsto ai meno avvantaggiati, 2) di essere associate a posizioni e cariche aperte a tutti in condizioni di equa uguaglianza delle opportunità.

In poche parole, quello che dobbiamo perseguire è la massima libertà per tutti, unita alla massima uguaglianza possibile.

Vasto programma, avrebbe detto il Generale De Gaulle. Ma solo così ripartiremo come nazione in Italia e come continente in Europa. Solo unendoci nella diversità potremo superare questo momento che non ha memoria nella nostra generazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...